Viaggi in Norvegia

Ai confini del mondo tra fiordi, ghiacciai e aurore boreali

Chi pensa che in Norvegia faccia solo molto freddo si sbaglia. La Corrente del Golfo arriva fin qui e rende il clima abbastanza mite: tra giugno e luglio ad Oslo la temperatura può raggiungere anche i 30 gradi.

E' vero però che il Circolo Polare Artico è a due passi: dopo Capo Nord solo l'arcipelago delle Svalbard separa il Polo Nord dai turisti in viaggio in Norvegia. E' qui, alla fine della Tundra, che si possono ammirare degli spettacoli naturali unici al mondo, come il Sole di Mezzanotte e le Aurore Boreali.

Sono moltissimi i buoni motivi per un viaggio in Norvegia. E' per questo che vogliamo proporvi tanti itinerari adatti a tutti, dai globetrotter alle famiglie con bambini.

A proposito della Norvegia

Attrazioni turistiche e paesaggi da sogno

La Norvegia è un Paese affascinante chiuso tra le montagne e il mare. Da una parte le Alpi Scandinave, con la cima più alta del monte Galdhøpiggen (2.500 metri) nel massiccio del Jotunheimen. Dall'altra il Mare del Nord e il Mare di Norvegia che infrangono le loro onde sulla costa frastagliata, consumata dal tempo e dalle tempeste, regno incontrastato dei Fiordi, una delle attrazioni turistiche più importanti del Paese.

E' la natura che rende la Norvegia meta di viaggio di straordinario interesse. Un quarto del Paese è coperto da foreste. A nord c'è la Tundra, bianca d'inverno che diventa un immenso prato fiorito in primavera; a sud si estendono migliaia di chilometri quadrati di boschi di querce, faggi e betulle. Nel folto delle foreste e della vegetazione è possibile incontrare animali stupendi, come renne, volpi, orsi, lupi. Nei corsi d'acqua che si gettano nel mare abbondano le trote, i salmoni e i lucci. E nel mare vivono, ignari di essere tra i prodotti più importanti per l'economia nazionale, il merluzzo e l'aringa.

Il patrimonio culturale 'istituzionale' della Norvegia è concentrato nella Capitale. I principali luoghi di interesse turistico di Olso, come il Museo Kon-Tiki, il Museo Munch, la Galleria Nazionale (Nasjonalgalleriet), la fortezza di Akershus, il Teatro dell'Opera, ma anche il Parco di Vigeland con la sua esposizione permanente di sculture e opere dell'artista Gustav Vigeland, sono visitati da milioni di turisti, ed è per questo che la capacità ricettiva della capitale norvegese è molto vasta in proporzione al numero dei suoi abitanti. E' facile trovare un hotel a Oslo che soddisfi le esigenze delle varie tipologie di turisti che vi si riversano.

Ma nel resto della nazione non mancano località e luoghi ricchi di storia e di tradizioni che arricchiscono il patrimonio culturale norvegese. A cominciare dalle incisioni rupestri di Alta nella contea di Finnmark, oppure il quartiere anseatico di Bergen, o ancora la città mineraria di Røros, patrimonio dell'Unesco. Siti turistici culturali della Norvegia sono considerati anche i fiordi di Nærøyfjord nella contea di Sogn og Fjordane e quello di Geirangerfjord nella regione di Møre og Romsdal. Tra le cose assolutamente da non perdere nel vostro viaggio in Norvegia, sono da citare le rovine della cattedrale medievale di Hamar, la chiesa di legno di Urnes e, perché no, l'aeroporto internazionale di Gardermoen, con lo splendido terminal in legno, pietra e grandi vetrate aperte su un panorama mozzafiato. Infine, un'esperienza davvero unica, è avvicinare e conoscere la cultura Sami (Lappone), cominciando ad esempio dal parco tematico Sápmi di Karasjok nell'Altopiano del Finnmark.

Festival e cucina tradizionale norvegese

La tradizione gastronomica della Norvegia è prevalentemente marinara. Nei ristoranti e nei Gjestegård delle città della costa, come Stavanger, Bergen, Bodø e Tromsø, si gusta ottimo pesce freschissimo, salmone (laks) e merluzzo (torsk) in primis, ma anche aringhe e molluschi sia cotti che crudi.

Nelle zone alpine e degli altopiani i piatti tradizionali sono a base di carne di renna, di alce e di cervo, con il loro sapore intenso e selvatico quasi sempre accompagnati da salsa a base di panna acida. Da non perdere sono le carni essiccate, prosciutti o salsicce affumicati, ma anche i formaggi, come il geitost e il brunost.

Per gli amanti delle discoteche e dei locali notturni la Norvegia offre tutto quello che può offrire una classica capitale europea, ma per un divertimento più tradizionale è d'obbligo assistere ai numerosissimi festival ed eventi musicali e culturali che si tengono durante tutto l'anno. Ce n'è per tutti i gusti: il più famoso è il Festival Internazionale di Bergen dove sono proposte tutte le esperienze artistiche dei paesi nordici, ma da non perdere sono anche il festival di Musica da Camera di Røros, il Festival di Musica Contemporanea di Oslo, il festival di musica rock e quello internazionale di teatro di Kristiansand o il Festival della Norvegia del Nord con appuntamenti internazionali alla luce delle notti polari.

Storia, cultura & tradizioni

Già nel corso del IX secolo piccole comunità di Norvegesi si organizzano e si trasformano in entità più importanti. Intorno al 900 Harald "Bellachioma" unifica il Paese sotto il suo scettro e diviene il primo re norvegese. E' l'epoca dei Vichinghi, alcuni di essi lasciano il paese e colonizzano alcune isole britanniche, la Francia, l'Islanda. A partire dal 1380, la Danimarca e la Norvegia sono un unico regno. L'unione si dissolverà poi nel 1814, quando la Norvegia passerà sotto la corona svedese. Nel 1905 i due Paesi si separano pacificamente e la Norvegia diventa Stato indipendente. Nel 1940, la Norvegia viene invasa dalle truppe tedesche, il Re e la Regina si rifiutano di riconoscere il governo imposto dagli invasori. Per cinque anni il Governo Reale Norvegese è in esilio a Londra e sostiene la Resistenza Norvegese del Fronte Patriottico.

I Norvegesi amano indossare il "Bunad", il loro costume nazionale per gli eventi importanti, non solo in occasione di feste ma anche nelle cerimonie private o in famiglia. I bunad sono costumi tradizionali che utilizzano fogge, colori e ricami diversi nelle varie regioni o distretti e che traggono ispirazione dalle antiche usanze locali.

Nel Medioevo, nell'Europa continentale, si costruivano cattedrali in pietra. In Norvegia si sviluppava, parallelamente, una simile architettura ma in legno: era questo infatti il materiale da costruzione più utilizzato e apprezzato (anche per la realizzazione delle navi vichinghe). Ciò che innanzitutto caratterizza una stavkirke rispetto ad una qualsiasi chiesa in legno non sono né le sculture a testa di drago né le ricche incisioni sui portali, bensì la struttura portante che poggia su pareti di pali infissi verticalmente nel terreno detti "staver". Si suppone che in quel tempo venissero costruite in Norvegia almeno 750 stavkirker, di cui ancora 30 si sono conservate fino ad oggi. La Norvegia è l'unica, tra i Paesi del Nord Europa, in cui si trovino ancora intatte, alcune di queste chiese in legno medioevali. Tra queste, quella di Urnes è considerata la più antica e figura pertanto nell'elenco "patrimonio dell'umanità" redatto dall'UNESCO, mentre la chiesa di Heddal è la più grande e quella di Borgund, forse la più visitata e fotografata.

Clima e geografia

La Norvegia ha una superficie di 385 155 Kmq ed è abitata da circa 4,5 milioni di persone, la capitale, Oslo ne conta circa 500.000. La maggior parte della popolazione vive nelle città, disseminate un po' su tutto il territorio. La densità degli abitanti è piuttosto bassa e specie al nord, alcune regioni sono disabitate, ciò rende la Norvegia un paese a misura d'uomo. Le città più importanti sono Bergen, Stavanger, Trondheim, Kristiansand, Asker, Ålesund e al nord Bodø e Tromsø.

La Norvegia fa parte della penisola scandinava, confina a est con la Svezia, al nord con la Finlandia, e per qualche chilometro la Russia. Ad ovest c'è l'oceano Atlantico, più a nord il Mare di Barents, il Mar di Norvegia e a Sud il Mare del Nord. Metà del territorio si estende lungo una catena montagnosa. Ad Ovest l'oceano e i ghiacciai hanno formato, nel corso dei secoli, delle rientranze e delle ramificazioni che penetrano fino nel cuore delle montagne: i fiordi.

Più a Nord il mare ha cesellato una costa selvaggia, ricca di isole meravigliose: le Vesterålen e le Lofoten. Nel sud del paese il Mare lambisce i piccoli villaggi caratteristici con spiagge molto frequentate d'estate. La distanza tra Kristiansand (a Sud) e Capo Nord all'estremo nord, è di oltre 2.500 Km. A circa 1500 Km. da Capo Nord, nell'Oceano Artico, si estende l'arcipelago delle Svalbard, la cui isola principale Spitzbergen, si estende fino ad una latitudine di 81°, a circa 900 Km. dal Polo Nord. Durante l'inverno la parte orientale delle Svalbard è circondata dalla banchisa polare: è il luogo più settentrionale al mondo che accolga turisti.

In estate, il clima è temperato: l'aria non è mai afosa, è pura e frizzante. Le temperature medie diurne nel sud del paese variano da +15° a +25°, è adatto un abbigliamento leggero più un capo più caldo per la sera ed un impermeabile in caso di pioggia. Nel nord, specie in caso di maltempo, le temperature sono più basse ed è indicato un abbigliamento autunnale. D'estate le notti sono chiare e nella parte settentrionale del paese il sole rimane costantemente sopra l'orizzonte per parecchie settimane. Questo fenomeno viene chiamato "il sole di mezzanotte".

Grazie alla corrente del Golfo l'inverno in Norvegia non è mai troppo rigido, specie sulla costa: il mare non ghiaccia mai neanche a Nord. E' indicato comunque un abbigliamento caldo: giacca a vento o piumino capi di lana (sciarpa, guanti e calze) e scarpe adatte a camminare sulla neve. L'aurora boreale, dovuta all'attività solare, è visibile nella Norvegia settentrionale, di notte e a cielo sereno. E' uno stupendo spettacolo di fasci di luce colorata che si muovono sulla volta celeste. La sua forza e bellezza dipendono dalla quantità delle macchie solari. Per osservarla bene, occorre allontanarsi dalle luci della città. E' più facile avvistarla nei periodi febbraio-marzo e settembre-ottobre, ma può essere vista anche in altri periodi, tranne d'estate poiché la notte è troppo luminosa.

Raggiungere la Norvegia

In automobile

La Norvegia è dotata di una buona rete stradale; le strade principali sono tutte asfaltate e lo sviluppo a sud è in costante aggiornamento. Dove persistono le strade sterrate, come in altri paesi del nord, la superficie viene prodotta con ghiaia, argilla e altri prodotti chimici che assorbono la polvere rendendo agevole la percorrenza (attenzione alla pioggia, il manto è comunque sdrucciolevole). Anche durante l'inverno, le strade principali vengono tenute aperte alla viabilità, attenzione però all'apposito segnale che avvisa quando le condizioni stradali non sono buone. I limiti di velocità sono di 80 Km/h fuori dai centri abitati, 90 Km/h nelle superstrade ed alcune strade principali (quando segnalato). Nelle aree urbane il limite è di 50 Km/h. Le luci anabbaglianti accese sono sempre obbligatorie (anche per moto e motorini).

In aereo e treno

SAS, Lufthansa e numerose altre compagnie aeree assicurano i trasferimenti dall'Italia con voli giornalieri per la Norvegia. SAS vola tutto l'anno da Milano Malpensa, Linate e Roma Fiumicino. La durata indicativa del volo da Milano è di 4h00.

Il sistema ferroviario Norvegese raggiunge tutti i maggiori centri. In direzione Nord l'ultima fermata è Bodø, al Circolo Polare Artico. I livelli di comfort sono elevati, i treni dispongono di posti in prima e seconda classe (salvo alcune tratte minori dove è disponibile solo la seconda). L'Interail Pass Norvegia (clicca per le informazioni) permette di viaggiare senza limitazione per 3, 4, 6 e 8 giorni oltre che in Norvegia anche in Svezia, Danimarca e Finlandia, con prezzi speciali per tutte le fasce di età. Per i gruppi e i bambini sono previsti prezzi speciali.

In nave

La Norvegia è raggiungibile in traghetto dalla Germania, Svezia, Danimarca, Inghilterra e Islanda. Numerose sono le linee domestiche di trasporto passeggeri gestite con moderne motonavi, soprattutto nell'area dei fiordi, dove i traghetti consentono di attraversare i fiordi, evitando percorsi via terra ben più lunghi. A Bergen e Stavanger sono numerose le compagnie di navigazione che organizzano escursioni nei fiordi via mare. Uno degli itinerari più noti è "Norway in a nutshell", da Bergen a Bergen con possibilità anche di partenze da Oslo e Voss. Informazioni sui periodi di e sugli orari disponibili presso gli uffici turistici locali.

Itinerario del mese

Alla scoperta della Norvegia dell'ovest

Kristiansand - Egersund - Stavanger - Ulstein - Haugesund

Kristiansand/Stavanger/Haugesund (circa 350 chilometri)

Dirigendosi verso nord in direzione di Stavanger, il paesaggio diventa più selvaggio. Suggeriamo una sosta nell'area dello Jøssingfjorden. Oltre Egersund troverai lunghe spiagge di sabbia e sassi. Stavanger è una piccola cittadina costiera ed è stata eletta capitale della cultura per il 2008. Suggeriamo una visita al Prekstolen (Pulpito), che domina il fiordo dall'alto dei suoi oltre 500 metri. Il Pulpito è raggiungibile in battello (da Stavanger ci sono escursioni giornaliere nel fiordo) e a piedi seguendo un percorso di trekking.

Viaggiando in direzione nord suggeriamo una deviazione per Ulstein, dove sorge un antico Monastero. A solo un'ora di traghetto dalla terraferma si trova l'isola Karmøy. Il borgo un tempo fu uno dei porti di pesca più importanti dell'intera Norvegia. Raggiunta la terraferma incontrerai Avaldnes, borgo risalente al 1200. Haugesund è rinomata per i festival del cinema e del Jazz.

Haugesund - Bjørnefjorden - Bergen

Haugesund/Bergen (circa 140 chilometri)

Viaggiando lungo le strade principali si incontrano piccoli borghi e fattorie. Il paesaggio è molto piacevole e suggeriamo di fermarsi spesso per scattare foto o semplicemente per ammirare il panorama. Suggeriamo di seguire la parte ovest di Stord via Fitjar fino a Sandivkvåg, da dove con circa un'ora di traghetto attraverso il fiordo Bjørnefjorden si raggiungerà Haljem sulla terraferma. Deviando verso Lyøsen si raggiunge il palazzo estivo del violinista Ole Bull. Suggeriamo di sostare a Bergen almeno un giorno per visitare la piccola città "capitale" dei fiordi. Il centro storico a ferro di cavallo BRYGGEN raccoglie le caratteristiche costruzioni. Visitate anche il Fisketorget (mercato del pesce) e addentratevi nelle strette viuzze del centro. La città è circondata da sette montagne ed è possibile salire su una vetta utilizzando la funivia di Ulriken. Dall'alto della cima il panorama di Bergen è molto bello. Poco fuori città trovate la casa museo del noto compositore Edvarg Grieg. Informatevi sul calendario concerti, potrete assistere ad una performance durante la visita. Da Bergen partono le gite nel vicino Hargangerfjord e Sognefjord, potete spendere ulteriori giorni nell'esplorazione dei fiordi acquistando i biglietti cumulativi e lasciando l'auto in città.

Bergen - Eivindik - Fløro

Bergen/Fløro (circa 240 chilometri)

Questa tappa si snoda lungo un percoso ricco e vario fatto di foreste, brughiere e montagne rocciose. Lungo tutto il percorso ci sono attrazioni da scoprire: Eivindik, borgo ricco di storia, Solleibotn, dove girando attorno al promontorio si può ammirare il panorama sul Sognefjord contornato da un arcipelago di isolette e scogli. Da Florø consigliamo di raggiungere la Chiesetta in pietra di Kinn.

Florø - Ålesund

Florø/Ålesund (circa 220 chilometri)

Le attrazione lungo questa tappa sono il faro di Kråkenes quando infuriano le tempeste e il ghiacciaio Jostedalsbreen, uno dei più grandi ghiacciai in Europa.

Per gli amanti del bird watching consigliamo una sosta al monte Runde, dove durante l'estate nidificano centinaia di migliaia di uccelli marini tra i quali i pulcinella di mare. Poco fuori Ålesund nel faro di Alnes vengono organizzati eventi artistici e il panorama è molto bello. Ålesund è una graziosa cittadina che fu riedificata quasi completamente in stile Liberty dopo il vasto incendio scoppiato nel 1904.

Ålesund - Kristiansund - Trondheim

Ålesund/Trondheim (circa 200 chilometri)

Prendendo la E39 si praggiunge Molde, celebre per il JAZZ festival che si tiene ogni anno. Molde è ubicata sul mare e attorniata da oltre 200 montagne. Prendete poi la spettacolare Via Atlantica che collega con ponti isole alla terra ferma. L'ultima tappa è Kristiansind, conosciuta in tutto il mondo per lo stoccafisso.

Per l'ultima tappa puoi prendere il traghetto che collega Søvika a Tømmervåg e procedere seguendo la RV680. Nove ponti collegano alcune isole. Suggeriamo di deviare per Hemnfjorden.

Contattaci

Cosa aspetti? Rispondi al richiamo della Norvegia!

Vi aspettano dei luoghi che non conoscono il rumore, ma solo il vento interrotto dalle grida degli uccelli marini, dove la natura è sempre un grandioso spettacolo, terra di paesaggi estremi ed assoluti fatti d'acqua, roccia e ghiaccio.

Con il disgelo riappaiono come dalle fiabe i laghi di cristallo e le foreste di smeraldo, villaggi dove la vita segue il ritmo della luce e dell'ombra, dei giorni, delle stagioni, teatro di spettacoli naturali unici al Mondo come l'aurora boreale e il sole di mezzanotte.

Un viaggio a queste latitudini è un'esperienza unica ed indimenticabile. Lasciate che vi conduciamo alla scoperta della bellezza di questa natura senza tempo.

Vuoi partire per la Norvegia? Hai bisogno di proposte, informazioni, emozioni?

Vuoi delle idee per pianificare il tuo soggiorno in Russia o un tour dei paesi baltici?

Oppure stai progettando una vacanza in Finlandia o un viaggio in Islanda? Scrivici ora!

Dillo in giro!